Docfa 4.0


Quadro B - Denuncia di Variazione - Dati generali 

Consente di acquisire il quadro B del modello D1 da compilare solo nel caso di denuncia di variazione dello stato degli immobili.

In Docfa 3.0 sono state inserite due nuove causali di variazione : per presentazione di planimetria mancante e per modifica di identificativo. Le unità Afferenti son diventate una causale della variazione da scegliere in alternativa alla causale generica Variazione.
Di seguito sono descritti i campi che compongono lo schermo.

Tipo mappale: numero di protocollo e data del Tipo mappale; campi non obbligatori, ma se dichiarati devono essere digitati entrambi.

Unità immobiliari:numero delle uiu presenti nel documento distinte tra quelle in soppressione, in variazione e in costituzione; almeno uno dei tre campi e' obbligatorio. La somma delle unita' in variazione e costituzione deve essere uguale alla somma delle unita' derivate.

Unità derivate: numero delle uiu presenti nel documento distinte tra quelle a destinazione ordinaria (categorie A, B, C), quelle a destinazione speciale o particolare (categorie D, E) e i beni comuni non censibili; da ricordare che questi ultimi sono in carico a partita speciale A e che sono in alternativa ai primi due campi. E' obbligatorio indicare almeno uno dei tre tipi di unita' derivate. Da notare che ci possono essere anche unita' di categoria F, che vanno comunque conteggiate come derivate a destinazione speciale o particolare.

Causale di Presentazione: riquadro all'interno del quale è possibile selezionare in alternativa Variazione o Unità Afferenti. 

La prima causale ( Variazione ) è da selezionare in caso di denuncia di variazione. E' obbligatorio digitare la data di realizzazione, ad esclusione della variazione toponomastica, e selezionare almeno una delle causali di seguito riportate:

  1. Planimetrica: a fronte di questo tipo di variazione e' obbligatorio selezionare almeno una tipologia di variazione tra quelle proposte;

  1. Toponomastica
  2. Ultimazione di fabbricato urbano
  3. di Destinazione da / a: se si seleziona questa causale e' obbligatorio compilare anche i campi relativi alle destinazioni attuale e finale;
  4. Altre: qualora la motivazione che da' luogo alla variazione catastale non sia compresa tra quelle codificate si dovra' barrare questa casella e digitare in chiaro la motivazione specifica nell'apposito campo posto a fianco;
  5. per Presentazione planimetria mancante, con questa causale non bisogna indicare i dati di classamento e relativi modelli 1N / 2N, non bisogna dichiarare la superficie catastale;
  6. per Modifica d'Identificativo, con questa causale non bisogna indicare i dati di classamento e relativi modelli 1N / 2N, non bisogna dichiarare la superficie catastale, non bisogna acquisire la planimetria in quanto il sistema aggancerà al nuovo identificativo, al momento della registrazione, la planimetria presente in atti;
  7. per Richiesta ruralità, tale causale può essere utilizzata solo per le Variazioni (in combinazione con la tipologia documento 5) e permette, nel caso di unità immobiliari già censite nel gruppo delle categorie D (eccetto la D/10), la presentazione di variazioni “SEMPLIFICATE”, per la cui compilazione sono richiesti solo i dati identificativi. L’ immobile è registrato agli atti catastali con la categoria D/10, con la rendita precedentemente attribuita già iscritta negli atti catastali.

Nella compilazione di questo quadro sono da tenere presenti due tipi di compatibilita': quella tra le causali stesse e quella tra le causali e le operazioni associate alle causali



Compatibilita' tra le causali:

 

DIV

FRZ

FUS

AMP

DET

DEP

VSI

RST

FRF

VTO

UFU

VDE

VAR

VRP

VMI

RUR

DIV

X

 

X

X

 

X

X

X

 

X

X

X

 

 

 

 

FRZ

 

X

 

X

 

X

X

X

 

X

X

X

 

 

 

 

FUS

X

 

X

X

 

X

X

X

 

X

X

X

 

 

 

 

AMP

X

X

X

X

 

X

X

X

X

X

X

X

 

 

 

 

DET

 

 

 

 

X

 

 

 

 

X

 

 

 

 

 

 

DEP

X

X

X

X

 

X

X

X

X

X

X

X

 

 

 

 

VSI

X

X

X

X

 

X

X

X

X

X

X

X

 

 

 

 

RST

X

X

X

X

 

X

X

X

X

X

 

 

X

 

 

 

VTO

X

X

X

X

X

X

X

X

X

X

X

X

 

 

 

 

UFU

X

X

X

X

 

X

X

 

X

X

X

X

 

 

 

 

VDE

X

X

X

X

 

X

X

X

X

X

X

X

 

 

 

 

VAR

 

 

 

 

 

 

 

 

 

X

 

 

X

 

 

 

VRP

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

X

 

 

VMI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

X

 

RUR

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 X

 

 

 

Codifica delle causali

codice

causale

codice

causale

DIV

divisione

FRF

frazionamento e fusione

FRZ

frazionamento per trasferimento di diritti

VTO

variazione toponomastica

FUS

fusione

UFU

ultimazione di fabbricato urbano

AMP

ampliamento

VDE

variazione della destinazione 

DET

demolizione totale

VAR

altre cause di variazione (variazioni non comprese tra quelle codificate)

DEP

demolizione parziale

VRP

variazione per presentazione planimetria mancante

VSI

diversa distribuzione spazi interni

VMI

variazione per modifica d'identificativo

RST

ristrutturazione

RUR

Richiesta di ruralità

 

Compatibilita' tra causali e operazioni associate 

Causale di Variazione

Unità in Soppressione

Unità in Variazione

Unità in Costituzione

Utilizzo delle causali

AMPLIAMENTO

SI

NO

SI

questa causale ammette le operazioni di SOPPRESSIONE (1 unità) e COSTITUZIONE (1 unità), è richiesta la compilazione dei Mod. 1N o 2N prima e seconda parte 

VARIAZIONE TOPONOMASTICA

NO

SI

NO

questa causale ammette la sola operazione di VARIAZIONE (1 o più unità), non è richiesta la compilazione dei Mod. 1N o 2N prima e seconda parte 

VARIAZIONE SPAZI INTERNI

NO

SI

NO

questa causale ammette la sola operazione di VARIAZIONE (1 o più unità), è richiesta la compilazione dei Mod. 1N o 2N prima e seconda parte 

ULTIMAZIONE DI FABBRICATO

NO

SI

NO

questa causale ammette la sola operazione di VARIAZIONE (1 o più unità), è richiesta la compilazione dei Mod. 1N o 2N prima e seconda parte 

RISTRUTTURAZIONE

NO 

SI

NO

questa causale ammette la sola operazione di VARIAZIONE (1 o più unità), è richiesta la compilazione dei Mod. 1N o 2N prima e seconda parte 

DEMOLIZIONE PARZIALE

SI

NO

SI

questa causale ammette le operazioni di SOPPRESSIONE (1 unità) e COSTITUZIONE (1 unità), è richiesta la compilazione dei Mod. 1N o 2N prima e seconda parte 

DEMOLIZIONE TOTALE

SI

NO

SI

questa causale ammette le operazioni di SOPPRESSIONE (1 o più unità) e COSTITUZIONE (1 o più unità), l'unità in costituzione deve essere obbligatoriamente un'area urbana (F/1) non è richiesta la compilazione dei Mod. 1N o 2N 

FRAZIONAMENTO E FUSIONE

SI

NO

SI

questa causale ammette le operazioni di SOPPRESSIONE (2 o più unità) e COSTITUZIONE (2 o più unità)  è richiesta la compilazione dei Mod. 1N o 2N prima e seconda parte 

CAMBIO DI DESTINAZIONE D'USO

SI

NO

SI

questa causale ammette le operazioni di SOPPRESSIONE (1 unità) e COSTITUZIONE (1 unità), è richiesta la compilazione dei Mod. 1N o 2N prima e seconda parte 

DIVISIONE 

 SI 

NO

SI

questa causale ammette le operazioni di SOPPRESSIONE (1 unità) e COSTITUZIONE (2 o più unità) è richiesta la compilazione dei Mod. 1N o 2N prima e seconda parte 

FRAZIONAMENTO PER TRASFERIMENTO DI DIRITTI

SI 

NO

SI

questa causale ammette le operazioni di SOPPRESSIONE (1 unità) e COSTITUZIONE (2 o più unità)  da utilizzare solo in presenza di unità del gruppo F, non e  richiesta la compilazione dei Mod. 1N o 2N prima e seconda parte 

FUSIONE

 SI 

NO

SI

questa causale ammette le operazioni di SOPPRESSIONE (2 o più unità) e COSTITUZIONE (1 unità), è richiesta la compilazione dei Mod. 1N o 2N prima e seconda parte 

ALTRE CAUSE DI VARIAZIONE 

SI

SI

SI

questa causale ammette le operazioni di SOPPRESSIONE, COSTITUZIONE  e VARIAZIONE, è richiesta la compilazione dei Mod. 1N o 2N prima e seconda parte 

PRESENTAZIONE PLANIMETRIA MANCANTE

NO

SI

NO

 questa causale ammette la sola operazione di VARIAZIONE (1 o più unità), non bisogna indicare i dati di classamento e relativi modelli 1N / 2N, non bisogna dichiarare la superficie catastale

MODIFICA IDENTIFICATIVO

SI

NO

SI

questa causale ammette le operazioni di SOPPRESSIONE (1 unità) e COSTITUZIONE (1 unità), non  è richiesta la compilazione dei Mod. 1N o 2N prima e seconda parte 

RICHIESTA DI RURALITA'

NO

SI

NO

questa causale ammette la sola operazione di VARIAZIONE (1 o più unità), non bisogna indicare i dati di classamento e relativi modelli 1N / 2N, non bisogna dichiarare la superficie catastale

Per quanto riguarda,invece, la seconda causale ( Unità Afferenti ) è da selezionare in caso di denuncia di unità afferenti ad enti urbani. 
E' obbligatorio selezionare almeno una delle causali di seguito riportate:

 

Tipologia di documento: deve essere selezionata una delle seguenti opzioni:

1.     Dichiarazione ordinaria

2.     Dichiarazione resa ai sensi dell’art. 1, comma 336, L n. 311/04

3.     Dichiarazione resa ai sensi dell’art. 1, comma 340, L n. 311/04

4.     Stralcio da categoria E – art. 2, comma 40, DL n. 262/06

5.     Dichiarazione resa ai sensi del DM 26/7/2012

6.     Dichiarazione resa ai sensi dell' art. 13, comma 14 ter, del DL 201/2012

L’opzione 1 riguarda le dichiarazione ordinarie.

L’opzione 2 deve essere selezionata a fronte di atto di aggiornamento presentato a seguito delle notifica effettuata dal Comune ai sensi dell’art. 1, comma 336, della legge 311/2004. Tale notifica viene inviata dai Comuni quando è constatata la presenza di immobili di proprietà privata non dichiarati in catasto ovvero la sussistenza di situazioni di fatto non più coerenti con i classamenti catastali per intervenute variazioni edilizie. La selezione di questa opzione facilita il riconoscimento degli atti presentati ai sensi del comma 336 ed agevola l'Ufficio del Territorio nella trasmissione al Comune competente dei dati di classamento degli immobili oggetto dell'aggiornamento, determinando la chiusura del procedimento.

L’opzione 3 deve essere selezionata quando l’atto di aggiornamento è presentato a seguito della notifica effettuata dal Comune ai sensi dell’art. 1, comma 340, della legge 311/2004. Tale notifica viene inviata dai Comuni quando è constatata la mancanza, negli atti catastali, degli elementi necessari a determinare la superficie catastale. Il comma 340 stabilisce che la planimetria catastale dell’immobile oggetto della notifica venga presentata secondo le modalità stabilite dal D.M. 701/94. L’opzione viene resa selezionabile in automatico solo in abbinamento alla causale “per presentazione di planimetria mancante”

L’opzione 4 deve essere selezionata per la dichiarazione di variazione, per stralcio da categoria “E”, cioè per il riclassamento di quelle porzioni di unità immobiliari, che finora facevano capo ad immobili censibili nel gruppo E (ad esclusione delle E/7 ed E/8), aventi autonomia funzionale e reddituale, ai sensi dell’art. 2, comma 40 del D.L. n. 262/2006 (Provvedimento Agenzia del Territorio del 2 gennaio 2007 pubblicato in G.U. n. 6 del 9 gennaio 2007).

L’opzione 5 è utilizzata per le dichiarazioni di fabbricati di nuova costruzione od oggetto di interventi  edilizi, per i quali sussistono i requisiti di ruralità,  ai sensi dell’art.2, comma 5 del decreto del Ministro dell’ Economia e delle Finanze 26 luglio 2012, ovvero del successivo comma 7 dello stesso articolo. Per tale opzione è necessaria l’allegazione delle previste autocertificazioni redatte utilizzando i modelli allegati al citato decreto ministeriale.

L’opzione 6 è utilizzata per le dichiarazioni al Catasto Edilizio Urbano di fabbricati rurali già censiti al Catasto Terreni, purché costituenti unità immobiliari ovvero immobili o loro porzioni che, nello stato in cui si trovano, sono di per se stessi utili ed atti a produrre un reddito proprio, ai sensi dell’art. 13, comma 14-ter, del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito con modificazioni dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214.. Per tale opzione è necessaria l’allegazione delle previste autocertificazioni redatte utilizzando i modelli allegati al decreto del Ministro dell’ Economia e delle Finanze 26 luglio 2012.

Preallineamento : riquadro contenente cinque campi non editabili nei quali sono riportati automaticamente per ogni tipologia il numero corrispondente di documenti di preallineamento acquisiti.

Modelli 1N/2N: riquadro contenente quattro campi non editabili nei quali sono riportati automaticamente il numero di modelli ( 1N parte I, 1N parte II, 2N parte I e 2N parte II ) compilati.

Elaborati grafici: riquadro contenente due campi non editabili nei quali sono riportati automaticamente il numero delle planimetrie associate alle uiu, eventualmente costituite da piu' schede ed il numero delle pagine dell'elaborato planimetrico da allegare alla denuncia.

Tasto OK: acquisisce i dati digitati e propone lo schermo Quadro U - ( U.I.U. - Dati generali, Ubicazione e Classamento ).

Tasto Scelta Comune: porta allo schermo Scelta Comune.

Tasto ?: attiva l'help dello schermo.


 

Ultima revisione : settembre 2012

© Agenzia del Territorio - 2012