Messaggio - Geototus  
Geototus
 Header - Geototus

A2) Data di utilizzo


Nella redazione del documento Do.C.Fa. è obbligatorio indicare, nel campo specifico, la data in cui le unità sono divenute abitabili e/o servibili all’uso cui sono destinate. Tale data non coincide necessariamente con la data di fine lavori indicata nel titolo abilitativo edilizio.
Ai sensi dell’art. 34-quinquies, comma 2, lettere a) e b), del Decreto Legge 10 gennaio 2006 n. 4, convertito in Legge 9 marzo 2006 n. 80, a decorrere dal 12 marzo 2006 scatta un profilo sanzionatorio per quelle dichiarazioni presentate oltre il termine di 30 giorni dalla data inserita nell’apposito campo “data ultimazione lavori” della procedura Docfa (Circolare n. 3/2006 e Circolare n. 4/2005, paragrafo 7). Lo stesso profilo sanzionatorio si applica quando la “data ultimazione lavori” è antecedete di oltre sei mesi dalla data di presentazione del Tipo Mappale, anche questa inserita nello specifico campo della procedura Docfa.

Gestione delle tipologie del Ravvedimento Operoso per i Docfa Telematici

Le possibili tipologie di Ravvedimento Operoso sono:

Ordinario
• Rendita Presunta
• Dichiarazione di ruralità

(art. 13, c. 14-ter, D.L. 201/2011)
Sisma 2012
• Altro


Nel caso di Ravvedimento Operoso“Ordinario”
si abilita la compilazione del campo «Data fine lavori» coincidente con quella indicata nel Docfa come già avviene.
È necessario richiedere il ravvedimento ed inserire il numero di unità immobiliari (di seguito U.I.U.) soggette a tributo e di quelle soggette a sanzione presenti nel documento e distinte per categoria catastale.

Nel caso di Ravvedimento Operoso “Rendita presunta”
Compilati i campi relativi al n. delle U.I.U. soggette a tributo e sanzione, si abilita il campo Data scadenza termine(1)A differenza del precedente caso dove è indicata la “Data fine lavori” ed il professionista deve
selezionare, come ultima data utile per la presentazione del documento, una delle seguenti opzioni:
31 agosto 2012, per gli immobili oggetto di rendita presunta di cui al Comunicato dell’Agenzia del Territorio pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 3 maggio 2012(2)Escluse le dichiarazioni dei soggetti interessati dagli eventi sismici del maggio 2012.
2 aprile 2013, per gli immobili oggetto di rendita presunta di cui al Comunicato dell’Agenzia del Territorio pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 30 novembre 2012(3)Essendo il 30 marzo 2013 giorno di sabato e il giorno 1° aprile 2013 festivo.
30 aprile 2013, per gli immobili oggetto di rendita presunta di cui ai comunicati del 3 maggio 2012 (prima fase di attribuzione della rendita presunta) e del 30 novembre 2012 (seconda fase di attribuzione della rendita presunta) per i soggetti interessati dagli eventi sismici del maggio 2012;
Altra data, campo libero in cui il professionista inserisce manualmente il 121° giorno successivo alla data di ricezione dell’avviso di accertamento notificato con procedura ordinaria manuale(4)E non con pubblicazione all’albo pretorio comunale come nei casi precedenti. (ad es. avviso di accertamento emesso dall’Ufficio a seguito di autotutela)

(1) A differenza del precedente caso dove è indicata la “Data fine lavori”.
(2) Escluse le dichiarazioni dei soggetti interessati dagli eventi sismici del maggio 2012.
(3) Essendo il 30 marzo 2013 giorno di sabato e il giorno 1° aprile 2013 festivo.
Sono escluse le dichiarazioni dei soggetti interessati dagli eventi sismici del maggio 2012
(4) E non con pubblicazione all’albo pretorio comunale come nei casi precedenti.


Nel caso di Ravvedimento Operoso “Fabbricati rurali” ( art. 13 comma 14-ter)
Per la fattispecie in esame il sistema abilita la compilazione del campo “Data scadenza termine” ed il professionista deve selezionare una delle seguenti date:
30 novembre 2012 (regime ordinario)
31 maggio 2013 (eventi sismici del maggio 2012)

Ravvedimento operoso Sisma maggio 2012”

Tale opzione riguarda le dichiarazioni Docfa ordinarie(1)Quelle per le quali il termine di scadenza cade nel 31° giorno successivo alla “Data fine lavori” presentate dai soggetti interessati dal sisma del maggio 2012, relativamente alle quali il termine per la presentazione è scaduto il 30 aprile 2013(2)Per la proroga a tale data dei termini di scadenza degli adempimenti tributari in precedenza sospesi dal 20 maggio al 30 novembre 2012, ai sensi dei Decreti del Ministro dell’Economia e delle Finanze del 1° giugno, del 24 agosto e del 21 dicembre 2012.

Nel caso in questione il sistema abilita la compilazione del campo “Data fine lavori”.

Ravvedimento operoso “Altro”
La voce “Altro” attiva un campo editabile “Descrizione” per la specificazione, da indicare in caso si presenti la necessità di implementare ulteriori fattispecie introdotte da nuove normative o proroghe e il campo “Data scadenza termine”.
Tale tipologia di ravvedimento, pertanto, non deve essere normalmente selezionata.
Casi particolari
La procedura di inoltro dei Docfa telematici è stata integrata per meglio disciplinare anche i possibili casi in cui il numero delle unità soggette a tributi speciali presenti nel Docfa non coincide con il numero di unità soggette a sanzione, per le quali il professionista indica di volersi avvalere del ravvedimento operoso. È il caso, ad esempio, di una dichiarazione Docfa di due unità immobiliari, una ordinaria ed una iscrivibile nella categoria fittizia F/5. In tal caso, per l’unità dichiarata in categoria F/5 è dovuto il solo tributo speciale catastale, ma non è applicabile la sanzione, in quanto per tale fattispecie non esiste l’obbligo della dichiarazione.

La data di utilizzo (gg/mm/aaaa) deve essere indicata nell'apposito campo:
data utilizzo


 Footer - Geototus

©2013 - GeoTotus