Messaggio - Geototus  
Geototus
 Header - Geototus

Poligoni


C2) Poligoni

Al fine di superare con successo i Controlli planimetrici effettuati degli operatori tecnici in fase di istruttoria, che riguardano tra l’altro anche i poligoni per il calcolo della superficie catastale, si riporta la completa descrizione della Tipologia degli ambienti.
La poligonazione deve essere fatta sulla base della sola destinazione presente nella planimetria.

Poligono A = superficie dei vani (o locali) aventi funzione principale nella specifica categoria (camere, cucina, stanze…) e dei vani (o locali) accessori a servizio diretto di quelli principali quali bagni, w.c., ripostigli, tavernette, mansarde, ingressi, corridoi e simili. Per le categorie C/1 e C/6 i vani avente funzione principale (per esempio il locale vendita ed esposizione per la categoria C/1) saranno indicati con “A1”, mentre i vani accessori a diretto servizio, quali retro negozio (per cat. C/1) bagni, w.c., ripostigli, ingressi, corridoi e simili, con “A2”.
Poligono B = superficie dei vani (o locali) accessori a servizio indiretto dei vani principali, quali soffitte, sottotetti, centrali termiche, cantine, lavanderie e simili qualora comunicanti con i vani di cui alla precedente lettera A.
Poligono C = superficie dei vani (o locali) accessori a servizio indiretto dei vani principali, quali soffitte, sottotetti, centrali termiche, cantine e simili qualora non comunicanti con i vani di cui alla lettera A.
Poligono D = superficie dei balconi, terrazze, logge, terrazzi coperti, portici, tettoie e simili, di pertinenza e dipendenza esclusiva della singola unità immobiliare (sono escluse le porzioni comuni di “uso esclusivo”) qualora comunicanti con i vani di cui alla lettera A.
Poligono E = superficie dei balconi, terrazze, logge, terrazzi coperti, portici, tettoie e simili, di pertinenza e dipendenza esclusiva della singola unità immobiliare (sono escluse le porzioni comuni di “uso esclusivo”) qualora non comunicanti con i vani di cui alla lettera A.
Poligono F = aree scoperte, corti, giardini o comunque assimilabili, di pertinenza e dipendenza esclusiva della singola unità immobiliare;
Poligono G = superfici di ambienti non classificabili tra i precedenti casi e non rilevanti ai fini del calcolo della superficie catastale.
Si precisa che tutti i vani sprovvisti di accesso (intercapedini, camere d'aria, cavedi, sottotetti, vuoti sanitari, ecc.) sono considerati volumi tecnici e pertanto non vanno considerati al fine del calcolo delle superfici.

NOTE:

• La superficie dei locali principali e degli accessori, ovvero loro porzioni, aventi altezza utile inferiore a 1,50 m, non rientra nel computo della superficie catastale. I poligoni relativi a tali superfici dovranno essere realizzati, specificando come parametro “altezza <1,50 m”.
• Gli elementi verticali di collegamento esclusivi interni delle u.i.u. vanno poligonati una sola volta per la loro proiezione nel piano in cui vi sono i locali principali; è facoltà del tecnico per gli altri piani, non poligonare tali porzioni, utilizzare la procedura “poligono interno” ovvero utilizzare il poligono “G”; le scale esclusive esterne non vanno poligonate e si intendono concluse in corrispondenza dell’ultima alzata. La poligonazione di queste ultime non va eseguita e valgono i criteri delle scale di collegamento interne. Va ovviamente poligonato il ballatoio di arrivo alla u.i.u. anche se di dimensioni contenute.
• La tavernetta, essendo un vano principale, va poligonata con il poligono “A” e pertanto gli accessori ad essa collegati vanno trattati come tutti gli altri accessori, quindi con poligono “A” se diretti e poligono “B” se indiretti.
Occorre fare particolare attenzione nell’assegnazione della corretta tipologia di poligoni, per la determinazione della superficie delle u.i.u. in base al D.P.R. n. 138/98:
• in una particella ove è presente una sola unità immobiliare residenziale unitamente a box e cantina, l’area di corte va individuata, di norma, come area esclusiva dell’abitazione (Circolare n. 2/E del 01 febbraio 2016, punto 3.3.1);
• le aree, individuate come B.C.N.C., in presenza di sole abitazioni, box e cantine, devono essere associate unicamente alle residenze (Circolare n. 2/E del 01 febbraio 2016, punto 3.3.1).

In particolare si evidenzia:
Categoria C/1 (negozi e botteghe)
poligono A1: superficie di vendita, ossia tutta quella superficie accessibile alla clientela;
poligono A2: superficie non destinata alla vendita, degli accessori diretti comunicanti ossia indispensabili all’attività commerciale come bagni, corridoi di disimpegno, spogliatoi, retro-negozi, cucine e laboratori in caso di ristoranti, pasticcerie-bar e simili;
poligono B: superficie, non destinata alla vendita, di accessori indiretti comunicanti con vani di tipologia A, tipo locali sottostrada, cantine, soffitte, locali magazzino e stoccaggio, ecc.;
poligono C: superficie, non destinata alla vendita, di accessori indiretti non comunicanti.
Categoria C/6 (box, posti auto, autorimesse, garage)
poligono A1: superficie utile al ricovero degli automezzi;
poligono A2: superficie degli accessori diretti alla unità immobiliare come bagni, disimpegni, ripostigli, ecc.;
poligono B: superficie dei vani degli accessori indiretti comunicanti con i vani di tipologia A ad esempio cantine, magazzini, ecc.;
poligono C: superficie degli accessori indiretti non comunicanti con i vani di tipologia A.
Altre categorie
C/2 (magazzino), C/3 (laboratorio artigiano), C/4 (fabbricati e locali per esercizi sportivi), è prevista solo la tipologia di superficie principale (tipologia poligono “A”) per i vani principali e gli accessori diretti, mentre gli accessori indiretti andranno nelle più appropriate tipologie di poligono “B” (se collegate alle superfici principali) o poligono “C” (se non collegate agli ambienti principali).

esempi poligoni

Capcolo delle superfici

deposito

poligoni


 Footer - Geototus

©2013 - GeoTotus